Alessandro
e
Marina
sposi

Lui & Lei

Come si vedono con gli occhi dell'altro
Alessandro

Alessandro

Lo sposo
Spirito burlone, riesce a spiazzarti mescolando il suo ingegno ingegnere con un pizzico di sana follia. Ecco allora come un rebus elaborato alle prime luci dell’alba diventa un modo di comunicare un messaggio improbabile agli amici, ecco come l’accesso al computer della fidanzata in modalità remota diventa un modo per esprimerle il proprio romanticismo. Animo leggero e brioso, è capace di raggiungere lo stato zen al mattino nelle note stridenti e assordanti dei Led Zeppelin. Devoto alla famiglia, è sempre stato rispettoso delle tradizioni: per anni non ha mai mancato l’appuntamento domenicale mattutino con le polpette appena fritte della nonna. Cuoco amatoriale perfezionista ti sorprende prima con i suoi piatti ricercati e poi con la montagna di roba da lavare perché l’artista - si sa- ha bisogno dei suoi spazi per esprimere il proprio estro. Lavoratore appassionato si dedica alle faccende di casa con diletto ma non chiedetegli la differenza fra un comodo e funzionale attaccapanni e il passamano delle scale: l’estetica per lui è un concetto sopravvalutato. Alessandro, si chiama, quel ragazzo alto con gli occhi a mandorla, il cuore grande e l’animo ironico.
Marina

Marina

La sposa
Marina è una ragazza magica. Le sue doti di prestigiatrice, che coltiva soprattutto durante le pulizie domestiche, le consentono di fare sparire qualsiasi oggetto, anche di grandi dimensioni, e farlo riapparire in posti impensabili anche a distanza di anni. Imprevedibile, creativa, mai banale, è abilissima nel movimentare le giornate mettendo a dura prova le altrui abilità di ragionamento, memoria e concentrazione. Marina riesce a proporre sempre nuovi e sorprendenti enigmi da risolvere, come: indovina dove si trova quella cosa che aveva messo in borsa, che adesso non riesce a trovare e per lo smarrimento della quale sta pensando di andare a fare denuncia? Ovviamente l'oggetto è sempre rimasto in borsa perché Marina predilige le borse grandi e, come si sa, la grandezza della borsa è direttamente proporzionale alla probabilità di perderci dentro qualcosa. Le più grandi qualità di Marina sono sicuramente la determinazione e la passione che mette in ogni cosa che fa. E siccome gli impegni sono davvero tanti, occorre tanto, tanto, tanto riposo per affrontarli al meglio. Per cui preparati, il film socialmente impegnato che ha democraticamente scelto di guardare stasera, lo vedrai solo tu. Marina ama l’arte, la musica, il cinema e la cultura in generale ma è allo stesso tempo fedele sostenitrice del motto “Mens sana in corpore sano”. La foto la ritrae durante la pratica di uno dei suoi sport estremi preferiti: il sollevamento del conetto di patatine fritte.

Cerimonia

Come non perdersi ed arrivare prima della sposa

Info

Visualizza su Google Maps

La chiesa di San Giuseppe

La chiesa di San Giuseppe si trova all’estremo nord di Chianalea. Si tratta di un piccolo edificio religioso composto da due corpi: l’atrio e la chiesa. L’atrio, il cui interno a forma rettangolare, ha copertura a crociera in mattoni. La parte anteriore è testimonianza che sullo stesso luogo sorgeva il convento dell’Annunziata. La chiesa ad una unica navata ha copertura a capriate in legno. Interessante l’accostamento di elementi di stile classico con elementi in stile rustico. La facciata è molto semplice e priva di decorazioni. Presenta sul lato sinistro un campanile di modeste dimensioni sormontato da croce di ferro. Il portone d’ingresso in legno è decorato con 12 rosoni per lato ed è racchiuso da un portale ad arco a tutto sesto.

Chianalea di Scilla

Chianalea di Scilla è il pittoresco borgo di pescatori incastonato sulla punta dello stivale, nell’incantevole Costa Viola in provincia di Reggio Calabria. Chianalea è famosa per essere considerata la “piccola Venezia del Sud”: un mosaico di case poggiate direttamente sul mare e divise da stretti vicoli. Per questa sua particolarità, Chianalea di Scilla compare tra i borghi più belli d’Italia e merita assolutamente di essere scoperta. Il suo nome, Chianalea, deriva il suo nome da “Piano della Galea“, ma è chiamato altrimenti anche Acquagrande o Canalea, visto che i vicoli che scendono a mare sembrano dei piccoli canali. La spontaneità dell’architettura, i piccoli accessi al mare, le ripide scalette e i vicoli attraversati dalla brezza marina e dal rumore del mare che si infrangono sugli scogli. A Chianalea troviamo tutti quei particolari e quelle sfumature dei borghi di mare più autentici. La sua origine è antichissima, come si narra sin dai tempi di Omero: costruita dagli esuli troiani per la sua posizione e per la ricchezza delle sue acque.

Parcheggio

Il parcheggio custodito più vicino si trova all’estremo nord del borgo di Chianalea (link), poi a piedi in pochi minuti si giunge alla chiesa di San Giuseppe.

Ricevimento

Come arrivare in tempo per il brindisi.

Info

  • 7 Luglio 2017
  • 20:00
  • Villa Zerbi
  • Via Roma, 185 - Taurianova (RC)
  • Il ricevimento si terrà all'aperto
Visualizza su Google Maps

Villa Zerbi

Costruita nel 1786, in chiave di barocco siciliano, da un progetto riconducibile all'architetto monteleonese, Filippo Frangipane. Il fronte del palazzo è caratterizzato da un raffinato portale in granito grigio, fiancheggiato da lesene e sormontato da una finestra evidenziata da un gioco di movenze di gusto tardo barocco. Le volute dei balconi in ferro battuto, sono sorrette da mensole ornate da maschere di pietra. Preziosa testimonianza delle abilità artigiane di scalpellini e decoratori calabresi, impegnati nella rinascita dopo il terremoto del 1783. Nel 2002 è stata restaurata da Natale Zerbi, in osservanza alla tutela del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo e inserita tra le dimore storiche calabresi di particolare interesse storico-artistico. Per ulteriori informazioni clicca qui.

Il giardino

Il restauro del Giardino di Villa Zerbi, è stato realizzato alla luce della memoria di antiche residenze nobiliari calabresi. Una lussureggiante vegetazione in mezzo ad aranci, melograni, mimose, querce, cactus e camelie, sistemate a vialetti. Componendo dei brevi percorsi tematici, si è voluto ottenere un concerto armonico di colori e fragranze di immediata interpretazione emotiva, rivolto in particolare a chi ha amore per le piante e la natura.

Viaggio

Il Giappone è un paese in cui è fiorita una civiltà unica che oggi prospera in un delizioso contrasto fra tradizione e modernità

Tappe

  • Tokyo
  • Takaragawa (Onsen e Ryokan)
  • Takayama e Shirakawago
  • Kanazawa
  • Kyoto
  • Koyasan (Esperienza spirituale)
  • Osaka

Contatti

Gli sposi rispondono alle vostre richieste.